Tornare in Europa e scoprire il Sud Italia. Cronache vacanziere di sudafricani (capitolo 2 di 3)

Scoglitti's beach: a view
La spiaggia di Scoglitti: tutta nostra

In Sicilia io ci era andato solo una volta. Era il 2007, non ero ancora sposato e passavo il tempo in Italia dopo aver lasciato Londra e prima di partire per il Sudafrica.
Avevo passato solo pochi giorni li’ ma la zona in cui il mio amicone Giamba aveva una casa (Scoglitti, dalle parti di Vittoria / Ragusa) mi era piaciuta tantissima. Soprattutto la cucina.

6 anni dopo, una volta saputo che sarei tornato in Italia durante l’estate (mentre tentavo di programmare le attivita’ per il gruppo) Giamba si era offerto di ospitarci ancora una volta, in compagnia stavolta della sua ragazza (che chiameremo L.). Noi 5 e loro 2. Una volta proposta la cosa (mare? in italia? senza pagare l’alloggio?) la truppa sudafricana era subito rimasta entusiasta.

Cosi, dopo i primi 5 giorni passati dalle mie parti al Nord, ci imbarcavamo da Malpensa con destinazione Catania, dove avremmo preso due macchine a noleggio (una specia di mini van e una ottima 500 Large) per poi dirigerci verso Scoglitti, attraversando la Sicilia quasi verticalmente.

Nessuno si sarebbe aspettato un successo clamoroso della spedizione. Il cibo siciliano, molto piu’ economico che nel resto d’Italia, era eccelente. Le spiagge, ancora non piene di turisti o semplicemente gente del posto, erano tutte per noi. Le giornate erano lunghe e calde, ma c’era sempre un gelato o una granita che mi avrebbe aiutato.

Certo, guidare per centinaia di chilometri su superstrade ad una corsia e assistere a spericolati sorpassi era un po’ stressante, ma per arrivare all splendida valle dei templi di Agrigento un po’ di stress ci poteva stare.

Giamba, come guida, e’ stato favoloso: capace di parlare inglese senza problemi, mi ha un po’ allegerito il carico traduttivo (anche se poi tutte le ragazze dopo pochi giorni avrebbero imparato a comprare un gelato o ad ordinare una colazione da sole in perfetto italiano). Ci ha fatto scoprire Scoglitti, Marina di Ragusa e Punta Secca, e nonostante sia lui che L. fossero affetti da qualche tipo di influenza, hanno entrambi combattuto fino alla fine per farci divertire come non mai.

Sono ormai passate settimane da quei 4 giorni siciliani, ma se rivedo Debbie e le due figlie e chiedo a loro quale sia stata la parte preferita del viaggio, non hanno dubbi: la Sicilia.

Inutile continuare a raccontare, quando ho centinaia di foto a disposizione (tutte qui). Piuttosto, eccovi una selezione:

My minivan for the adventure!
Il minivan utilizzato durante il viaggio

Animated discussion in italian
Lindsey discute in italiano con Giamba (notare le braccia)

Playing the marranzano
Lindsey mentre tenta di suonare il marranzano

Il cibo siciliano assaggiato (divorato) durante la settimana di esperienze culinarie:

A cannolo is what I need to kickstart my trip
Un cannolo

Some cannoli with Giamba
Un altro, insieme a Giamba

L'uortu do Re Cuccu, a great restaurant in Scoglitti
Da Re Cuccu in Scoglitti

Picture with the rest of the team
L’ultimo minestrello siciliano

Cuttlelfish ink tagliatelle: the best
Taglietelle al Nero di Seppia da Re Cuccu

Licking the ink off my plate
Eccezionali!

A tentacle (hentai version)
Un polipo (e chili di pesce) al Sakalleo

Breakfast time!
Colazione!

A sicilian granita
Una granita per colazione

A filled brioche with crema
Brioche alla crema!

Le favolose spiagge siciliane sul mar Mediterraneo:

A sand angel!
Lindsey appena arrivata sulla spiaggia di Scoglitti

The only way to avoid sand in your feet

Niente sabbia per me, io cammino sulla passerella

The house of Montalbano
La casa di Montalbano a Punta Secca

At punta secca
A Punta Secca

Swimming in the sea
Nel mare!

Running in the water with Giamba

Con Giamba

Running to the sea
Tempo per un’altra nuotata

La valle dei templi di Agrigento:

The temple of (insert goddess here)
Il tempio di Giunone (credo)

Yes, those are columns
Colonne e sudafricane

Same picture as above, instragrammed
All’interno della valle dei templi

Inside a tomb
Dentro una delle tombe

5 Comments

  1. […] Durante le prime due settimane ho avuto il piacere di ospitare amici italiani qui in Sudafrica (era dal 2010 che non succedeva, quando Ian venne a vedere la coppa del mondo). Stavolta erano Giamba, caro compagno di scuole e rompiballe durante il periodo londinese (veniva ogni estate almeno 3 volte a trovarmi), e la sua ragazza / fidanzata ufficiale Laura, con i quali dovevo comunque sdebitarmi per le fantastiche vacanze siciliane di due anni fa. […]

    Reply

  2. […] La sera prima di partire venivo invitato da Giamba (e Laura) a casa loro, dalle parti di Bareggio, per una cena siciliana (Laura era appena tornata dalla Sicilia). Venivo ringraziato delle mia presenza con un limoncello fatto con i limoni che l’anno scorso avevamo portato dietro dopo il viaggio in Sicilia con Lindsey & co.. […]

    Reply

Leave a Reply