Sopravvivenza sportiva: basta un ghiacciolo (70.3 Iron Man in Durban!)

Getting ready the night before

La notte prima

“Wave number 4, please approach the beach”

Finalmente il momento tanto atteso sta arrivando. Dopo aver approfittato dell’ospitalita’ di Shari in Howick due notti prima, a circa 100km da Durban (ma a ben 500km da casa), e aver passato una serata rilassante ieri sera, in un albergo a pochi chilometri dalla spiaggia, sto per tuffarmi in acqua per la parte piu’ difficile del mio primo 70.3 Half Iron Man (il Tri Rock di Durban): il nuoto.

All so tight in here!

Mentre mi preparo alle 6 di mattina

Now we wait

Pochi minuti prima della partenza

Il giorno prima con Lindsey e Shari mi ero presentato a questo stesso molo per provare a capire due movimenti che mi erano sconosciuti: correre verso il mare aperto, tentando di tuffarmi nelle onde per riuscire a prendere il ritmo prima possibile, ed uscire, evitando lo forti correnti che continuano a spedirmi 10-15 metri piu’ indietro di dove avevo iniziato.

Tre gruppi sono gia’ partiti, inclusi i professionisti che probabilmente hanno quasi finito i 2km o poco meno di nuoto. Il percorso e’ stato cambiato visto che piu’ a Nord il giorno prima le onde avevano creato condizioni impossibili.

Le onde il giorno prima

No swimming allowed a day before the triathlon

Divieto di nuoto il sabato prima della gara

“Wave number 4, 2 minutes to go”

Saluto Lindsey, e vedo la preoccupazione sul suo viso. Sa benissimo che delle tre discipline, il nuoto e’ quella in cui me la cavo meno. Io che solo settimana scorsa sono quasi affogata durante uno sprint triathlon, e che per migliorare mi sono preso un insegnante privato che incontro ogni Venerdi’ alle 6.30 di mattina a 30km da casa mia.

Guardo tutte le persone intorno a me, e la maggior parte sono piu’ alte, piu’ in forma, e decisamente piu’ a loro agio sul mare. Probabilmente vivono a pochi chilometri dall’Oceano, oppure hanno anni di esperienza.

“Wave number 4, 10 seconds…9… 8…”

Sono tutti gia’ partiti. Una corsa di 20 metri in acqua alta fino alle ginocchia e poi ecco le onde, che nascondono la prima boa, a 100 metri da qui. Mi butto contro la prima onda, e riesco in qualche modo a trovare un ritmo. Inizio a nuotare. Respirazione unilaterale (purtroppo ancora mi sfugge il respiro su due lati). Mi faccio largo tra un po’ di nuotatori, e, in poco tempo arrivo alla boa. La sorpasso e volto a sinistra, cercando la seconda boa, a poco meno di 2 km di distanza. Con le onde e’ difficile vederla, ma appena la scorgo, cosi’ lontana, guardo subito in alto in direzione della spiaggia, cercando punti di riferimento verticale. Il Suncoast casino e’ li, e a poca distanza vedo il bellissimo stadio Moses Madhiba costruito per i mondiali di 4 anni fa. Sara’ il mio punto di riferimento.

And here we go!

Si parte!

Swimming to the first buoy

Prima boa

Non sono velocissimo, ma non mi fermo mai. Se qualche nuotatore si aggiunge di fianco a me, tento di seguirlo per evitare di perdere tempo guardando davanti. Altrimenti mi tocca muovere la testa e cercare l’arco dello stadio.

Il ritmo non e’ velocissimo, ma qui in mare aperto e’ quello che mi serve: regolare. Non sbuffo, non bevo acqua, mi concentro sulla tecnica e vado avanti. A meta’ gara mi passa sotto la faccia un blue bottle, una specia di medusa (anche se in verita’ non lo e’), che mi tocca coi tentacoli e mi provaca un fastidio mica da poco sul naso e sulla bocca (non saro’ il solo).

Dopo 40 minuti finalmente passo la seconda boa e svolto ancora a sinistra, dove vedo la spiaggia. Gli ultimi 100 metri sono brutali. Le onde sono salite e la fortissima corrente continua a rendere la spiaggia un miraggio inarrivabile. Vedo un po’ di persone, piu’ affaticate di me, avere difficolta’ ad uscire. Io invece di tirare dritto decido di prendere una via piu’ lunga, tornando quasi indietro, e tagliando la corrente.

Esco dopo 2km in 46 minuti, e prima della transizione mi tocca correre 800 metri tentando di togliermi la tuta da nuoto (super aderente). Vedo Lindsey proprio prima delle bici, ed entrambi ci scambiano un sorriso sapendo che la parte difficile e’ finita senza problemi.

I'm alive Lindsey!

Finalmente fuori

Prendo le bottiglie d’acqua che mi fornisce al volo, e parto, per 90km di bici lungo la costa.

Dopo qualche chilometro di assestamento, noto la piu’ grande differenza con il nuoto: il silenzio. Mentre nuotavo il costante rumore dell’oceano intorno a me, e la musica di sottofondo proveniente dalla spiaggia erano continuamente presenti. Qui, con regole di non-drafting (non puoi andare in scia a nessuno, devi avere almeno 10 metri di distanza), e l’autostrada chiusa alla macchina, non sento nessuno rumore. Non c’e’ traffico, ci sono pochi spettatori (tutti saranno intorno al percorso di 7km, da fare 3 volte, sulla spiaggia) e in generale, lungo la costa settentrionale di Durban, non ci abita proprio nessuno.

45km verso Ballito, continuando a salire negli ultimi 15. E poi via verso Durban, tentando di scorgere lo stadio, che mi indica il punto di arrivo. L’unico mio pensiero, mentre volo a 50km/h in posizione aerodinamica, e di non forare, ma fortunatamente le strade sono in condizioni perfette.

Time to get on the bicycle

Tempo di salire in bici

Dopo 3 ore e 10 minuti vedo di nuovo Lindsey, davanti all’ultima area di transizione. Le nuvole sono sparite, e ormai il sole (siamo vicini a mezzogiorno) sta iniziando a picchiare. Scendo dalla bici in qualche modo (nessuno scende in maniera elegante), saluto Lindsey e inizio a correre. 7km lungo la spiaggia, 3 giri, 35 gradi.

Time to (try to) run

E ora si corre

Il primo giro e’ un dolore unico. Le ginocchia stanno per crollare, e non riesco a prendere il ritmo. Ma continuo a correre. Mai fermarsi. Nel secondo finalmente sgranchisco un po’ le gambe ma le stazioni di rifornimento (ben 4 lungo i 7km) mi sembrano lontanissime, e inizio a soffrire il caldo. Ad ogni stazione passo, afferro due bicchiere, ne bevo uno e me ne rovescio un altro sulla testa.

Il caldo e’ terribile, e fortunamente Lindsey mi si presenta con la soluzione: un ghiacciolo. A meta’ del secondo giro e’ in piedi, offrendomi il ghiacciolo mentre corro. Lo prendo, e finalmente riesco a sentirmi meglio mentre in qualche modo corro e succhio allo stesso momento. Un giro piu’ tardi, mentre sto per concludere la gare, vedo altre mogli o ragazze che prendono il prestito la stessa idea per i loro amati corridori.

A 200 metri dalla fine, davanti allo stadio, finalmente posso svoltare a sinistra, verso l’arrivo (in salita) e non a destra per un ennesimo giro. Arrivo stremato. Morto. Ma arrivo. Poco meno di 2 ore di corsa. Totale 6 ore e 2 minuti, passate senza mai fermarmi.

Il faccione mi da ancora fastidio per colpa della medusa di 5 ore prima, ma poco importa. Ho finito il mio primo half iron man, 113km di gloria e dolore.

And finally it's over!

Finita!

Give me that medal!

Sono leggermente stanco…

The beautiful medal

Non e’ una bellissima medaglia?

Mi merito un bacio, una medaglia, una birra e una pomeriggio rilassante. Sono un eroe. Almeno a casa mia.

With my tehnical team

In cima allo stadio, a rilassarmi

I dettagli della gara sono qui: (finalmente raggruppati in una sola pagina)

http://connect.garmin.com/modern/activity/607157754

Le foto (in attesa di quelle ufficiali) sono invece qui: https://www.flickr.com/photos/olafmeister/sets/72157648475902846/

4 Comments

Leave a Reply